Parassitosi nei rapaci

0
1026

I parassiti dei rapaci   di  Neil Forbes  FRCVS

 

Tutti i parassiti basano  la loro  sopravvivenza su quella  dell’ animale in cui vivono . Per un parassita  non è quindi  normale condurre alla morte l’animale in cui vive. In circostanze normali il parassita ed il  suo ospite vivranno in un’ armonia equilibrata. L’ eccezione si  presenta quando la resistenza normalmente avuta degli ospiti contro il parassita, (che  solitamente mantiene un  infestazione sotto un certo  controllo) è ridotta ,permettendo che il parassita prenda il sopravvento. Tali situazioni si  presentano quando negli uccelli selvatici c’e’ mancanza di alimenti, dopo  incidenti, ferite o durante  periodi estesi di condizioni sfavorevoli . Per i rapaci da falconeria, la debilitazione, incidenti, o altre cause  possono innescare la stessa situazione. Ci sono eccezioni a questa regola, dove persino un piccolo numero di parassiti può causare la malattia; ciò si presenta dove le necessità del parassita sono di vivere nel suo ospite soltanto per un breve periodo , per completare un ciclo di vita, fatto cio’ lui non si preoccupa  se l’ospite è malato o muore. Le malattie dovute a parassiti, recentemente stanno aumentando di incidenza in uccelli allevati in cattivita’ , questo è dovuto a un aumento dell’ esposizione ai parassiti, come conseguenza della  maggiore contaminazione della voliera da parte degli adulti .

Parassiti Esterni

Una grande infestazione di parassiti  su un uccello è tipicamente  segno che l’ uccello  è malato per altri motivi. Così piuttosto che trattare il parassita da solo, uno dovrebbe cercare sempre una causa ulteriore della malattia.

moscaHippoboscids ( mosche piatte) è forse uno dei  parassiti più comuni dei rapaci. Questi si nutrono di sangue, anche se ne  causano raramente una perdita significativa . Tuttavia ci sono ora delle prove per supporre che possono e  in  effetti trasportano i parassiti del sangue da un uccello ad un altro. In particolare  parassiti  del sangue come i  Leucocytozoon,  i Plasmodium , i Sarcocystis, così come altre infezioni trasmesse dal sangue. Nel Regno Unito tali parassiti del sangue sono rari, comunque nei climi più caldi  come negli U.S.A.le malattie come la malaria sono altamente significative. Dopo le estati più calde del 1994/95, l’ incidenza è aumentata, interessando  uccelli di  3-5 mesi, come gufi , hawks di Harris e falchi di Gyr . In un caso, l’ uccello affetto aveva catturato una gazza soltanto nove giorni prima.Questa era affetta da un  infestazione pesante di hippoboscids, e fu’ cosi’, evidente, che questi avevano trasmesso dei parassiti del sangue,  causando un’ infezione devastante e  mortale del falco di Harris in un tempo molto breve.
I pidocchi sono  altri parassiti comuni dei rapaci. p_Goniocotes_gallinae I pidocchi si alimentano  dei residui , delle piume e della pelle, tuttavia non sopravvivono fuori dell’ospite per lungo tempo e quindi il trattamento con  preparazioni di  insetticida è relativamente facile.
Al contrario   l’ acaro rosso del pollame ‘, sopravvive fuori dell’ospite per periodi considerevoli. Questo acaro vive in fessure  del legno e solitamente  esce soltanto la notte per  alimentarsi. In questo caso  un uccello   se  esaminato durante il giorno puo’  sembrare esente dai parassiti  , mentre lo stesso uccello e’affetto dalla loro presenza la notte.
Tutti i parassiti che si nutrono di sangue  possono essere facilmente e prontamente gestiti per mezzo di  prodotti come Ivomec  dei bestiami (MSD AgVet),  che comunque dovranno essere diluiti. Le dosi ed i diluenti adatti possono essere stabiliti dal vostro medico veterinario.
Altri parassiti del sangue sono gestiti  bene tramite l’ uso degli insetticidi, comunque la cura  deve essere usata  soltanto se le preparazioni sono sicure. Alcuni spray contengono ingredienti attivi o  propellenti, che possono essere tossici o irritare i polmoni. La nuova preparazione Frontline per le pulci di cani o gatti si e’  dimostrata sicura ed efficace su oltre 100 uccelli su cui e’ stata usata. Sembra essere non soltanto più efficace ma anche ben più sicura di  altri prodotti precedentemente sperimentati  sui parassiti .

Parassiti Interni
Molti allevatori , falconieri o  riabilitatori svermano i loro uccelli annualmente o quando sono maneggiati e credono che tutto sia a posto. Questo concetto è seriamente sbagliato e può occasionalmente condurre a ripercussioni serie.
Fluke: (passera) è  un comune parassita solitamente non patogeno dei rapaci. Possono abitare il piccolo intestino o i condotti della bile. La diagnosi è fatta soltanto su esame fecale ed anche se solitamente non patogena, quando presenti , dovrebbe essere eseguito un trattamento  idoneo. La medicina che è usata  più comunemente è il  rafoxanide ad una dose di 10mg/kg, o praziquantel (droncit)  5-10mg/kg  giornalmente per 14 giorni  o chlorsulon (Curatrem) 20mg/kg per  3 mesi a intervalli  di 2  settimane. L’ esatta diagnosi, il consiglio sul trattamento e il farmaco saranno date dal vostro veterinario.

Tenie: le tenie sono un parassita relativamente comune, ma sono raramente patogene. La malattia clinica si presenterà soltanto nelle situazioni in cui c’ è un’ infestazione molto pesante, che può condurre ad un’ ostruzione del piccolo  intestino. Il trattamento utilizza il  Praziquantel (Droncit, Bayer), che è disponibile sotto forma di compresse o di  iniezioni e gli uccelli dovrebbero essere dosati 5-10 mg/kg o  con chlorsulon come descritto precedentemente..

Ascaridi:ascaridi questi sono il più grande e  più significativo gruppo di parassiti interni. Il gruppo include i Syngamus  e  i Serratospiculum , che interessano rispettivamente la trachea e i polmoni. Entrambi causano disturbi respiratori negli uccelli infettati, comunque in entrambi i casi è particolarmente importante che la diagnosi  sia fatta prima del trattamento  dato. Nel caso di Syngamus anche dopo essere stati uccisi, rimarranno nelle vie aeree  fino a sei settimane, in quanto si decompongono lentamente causando  nel frattempo disturbi respiratori ed occasionalmente polmonite . Serratospiculum è il piu’diffuso in questo paese(Inghilterra) negli uccelli importati (che vengono dai paesi più caldi) il parassita in se non causa solitamente  segni clinici e può vivere tranquillamente nei polmoni per parecchi anni. Tuttavia se questo viene ucciso si putrefarà velocemente causando spesso seri problemi ai polmoni e spesso la  morte. Se il parassita è diagnosticato, il trattamento preferibile consiste nel trattare l’ uccello  quotidianamente  per 14 giorni  in ambiente riscaldato,e nella rimozione  chirurgica del parassita dai polmoni.
Le sostanze che sono state usate nel trattamento degli ascaridi includono il pipeazine, il levamisole, i benzimidazolo (per esempio Panacur o Mebenvet o Pyrantel) e lo sverminatore (Ivomec). Alcuni di questi ora sono superati,inadatti  ed inefficaci, altri hanno margini di sicurezza molto limitati e possono essere pericolosi, altri sono potenzialmente tossici in certi momenti dell’ anno, altri sono sicuri.

protozooProtozoi: Questo gruppo dei parassiti include ‘ la Tricomoniasi del pollame ‘. La sorgente più comune dell’ infezione proviene dai piccioni. Molti falconieri credono che una pulizia accurata del piccione e evitando le interiora , la malattia può essere evitata; ciò non è affatto sicuro , persino il muscolo pettorale in se  può trasportare l’ agente infettivo. Tutto il piccione  dovrebbe essere congelato in quanto questo trattamento uccide virtualmente tutti gli organismi. La malattia si manifesta  con placche bianche nella bocca, nella gola o nel tratto digestivo. Tuttavia la circostanza deve essere differenziata dall’ infezione con  Capillaria,  Candida o deficenza di vitamina A o l’ erpes nei gufi. La diagnosi differenziale può essere fatta facilmente dal vostro veterinario. Il trattamento è con Carnidazole (Spartrix) 25mg/kg una volta. Il singolo trattamento in contrasto con il trattamento quotidiano precedentemente suggerito,  rende la terapia mólto più facile, specialmente per gli uccelli selvatici o per i giovani in cattivita’,  ancora sul  nido  alimentati dai genitori .
Lo stesso gruppo di parassiti egualmente include i coccidi, che possono essere presenti e causare o non la malattia, a seconda del la specie esatta di coccidi  implicata. Inoltre se la malattia accade i segni ed i trattamenti clinici richiesti saranno differenti. I coccidi sono in aumento e cio e  ,dovuto a  un’ accumulo dell’ infezione nei soggetti in cattivita’ . La malattia interessa soprattutto gli uccelli giovani, prima che sviluppino il loro sistema immunitario. La circostanza è trattata  giornalmente con Toltrazuril (baycox) a 10mg/kg per   tre giorni successivi, o con Clazuril (Appertex) a 5-10mg/kg una volta al giorno per  tre giorni successivi. Giardia e Hexamita sono due ulteriori protozoi, che possono causare  malattie cliniche.
Coccidiosi nei  Merlins: come e’ noto alla maggior parte dei lettori , la coccidiosi nei Merlins è stata un problema in costante aumento per un certo numero di anni. In un documento , presentato al congresso sui rapaci  nel 1991, un autore ha  indicato  questa come la più grande causa della morte dei  Merlins in cattivita’. Da allora in poi  è aumentata l’ incidenza e durante gli ultimi  due anni  a interessato un   numero considerevole di Astori e Pellegrini. Anche se il regime terapeutico suggerito sopra è efficace per evitare la morte negli uccelli affetti  non è ancora efficace completamente nello sradicamento dall’ organismo  degli uccelli. Di conseguenza determinati mesi dopo l’ uccello cominciera’ a  liberarsi ancora dell’ organismo.. Questo spargimento condurrà a  una contaminazione considerevole della voliera che condurra’,  all’ infestazione futura di altri uccelli. Generalmente soltanto uccelli giovani, o malati  realmente soccomberànno  alla malattia. Questa malattia è argomento di ricerca  considerevole all’ ospedale di veterinaria di Clockhouse. Siamo  felici di esaminare gratis i campioni venuti da tutti i Merlins in cattivita’, a condizione che i proprietari  siano in grado di  trasmettere i campioni su una base mensile, normalmente. È soltanto tramite una ricerca continuativa che speriamo di poter  infine ottenere risultati su questa malattia che ha implicazioni future serie per l’ allevamento in cattivita’ dei rapaci, non soltanto nel Regno Unito ma anche in altre parti del mondo.
Soprattutto ,un  fatto importante e’ che tutti i proprietari si rendano conto che nessun trattamento sarà efficace se non su determinati   gruppi di parassiti. Il trattamento altrimenti condurrà ad un senso falso di sicurezza, e  potra’risultare  inutile e pericoloso. Prima di eseguire un qualsiasi trattamento,si dovra’ far esaminare dal vostro veterinario  un campione fecale( rapidamente ed economicamente )dopo di che’ vi potra’  raccomandare e fornire l’ agente più adatto .
All’ ospedale veterinario di Clockhouse, facciamo funzionare un servizio veloce, efficiente e poco costoso per l’esame dei campioni. I proprietari  che trasmettono un campione sono invitati a telefonare dopo  12 h. per avere il risultato.

 

Tratto e riassunto da Iuri Montarani.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTricomoniasi Rapaci
Articolo successivoSintomi negli uccelli
Sono il fondatore di questo sito, pratico la falconeria dal 1992 e mi diletto a scrivere articoli sulla falconeria. Cerco di proporre l'immagine della falconeria per quello che è cioè una Passione Sana, a contatto con la Natura, un mezzo di caccia assolutamente non pericoloso ne invasivo, a zero impatto ambientale. Faccio del mio meglio per far capire, a chi la contrasta, che prima di scrivere sulla falconeria, bisogna conoscerla profondamente ;)

Rispondi