Come abituare il falco da caccia al cane

0
261

english_setter_weird_factsdid_you_know-450x330

RonStevens145Cari amici falconieri e non, oggi vorrei affrontare un tema fondamentale per chi va a caccia con il proprio setter, cioè l’avvicinamento del cane al falco e allo sparo.
Capita spesso di sentire e vedere cani giovani da caccia che alla prima uscita vengono buttati sotto un calibro 12 o su un astore imprintato, e i risultati spesso sono disastrosi.
Un qualsiasi essere vivente che per la prima volta sente uno sparo a distanza ravvicinata si spaventerà, questo può creare non pochi traumi, lo stesso vale per un’artigliata di un astore in pieno muso. Ricordo ancora quando una persona mi diceva che il suo cane quando usciva con il falco scappava perchè a volte aveva subito delle artigliate sulla schiena da questo harris..chiamatelo scemo?!
Ovviamente ci sono stati degli errori e questi possono rovinare un cane che poteva promettere grandi risultati e belle giornate di caccia.
Io per entrambi i falchi che utilizzo a caccia e per entrambi i cani che ho avuto nell’ultimo anno, ho utilizzato un metodo molto naturale e poco stressante per entrambi gli animali.
William-Humphrey1938043All’inizio ho fatto conoscere i due a svariati metri di distanza, il falco vedeva il cane correre, abbaiare, scodinzolare, giocare e mangiare. idem per il setter che vedeva il falco muoversi, fare il bagno, mangiare, tutto però senza mai avvicinarsi troppo. Nel giro di una settimana i due si saranno abbastanza studiati e possiamo ridurre le distanze fino ad arrivare ad un metro tra la rete che li divide e il blocco del falco. Quando il falco è tranquillo e magari impegnato a mangiare possiamo avvicinare il cane tenendolo dal collare in modo d’averlo sotto controllo.
Avviciniamolo sempre più fino a che arrivino a toccarsi anche solo per un secondo, ma sempre pronti a spostare il cane dal collare nel caso uno dei due avesse una reazione incontrollata.
Il prossimo step è portare il falco sul pugno mentre si è in giro per campi o boschi, con il cane libero di correre come se stesse andando davvero in cerca di selvaggina, in questo modo il falco collegherà che il movimento rapido di un setter inglese al galoppo non sarà nulla di pericoloso ma anzi vedrà che gli consentirà di avere un esplorazione del terreno più completa.
Red-Setter-FalconSuccessivamente, quando il vostro falco sopporta bene la presenza del cane fate volare il falco con il cane al guinzaglio al vostro fianco. Fate qualche uscita alternando i due passaggi, fino a quando non siete sicuri che entrambi non si diano fastidio a vicenda.
Una volta pronti mollate il cane in corsa che partirà verso una direzione e lanciate il falco verso la stessa direzione, se tutto andrà bene e avete fatto tutta la preparazione con calma, non ci saranno incidenti.
Ora avete un setter inglese che corre all’impazzata in cerca di selvaggina e il vostro falco che osserva, ma come far capire al vostro falco che la ferma del cane significa che si deve preparare ad attaccare un selvatico? La pratica è il miglior insegnamento. Investite qualche euro in selvaggina e fate almeno 10 ferme con l’attacco del falco al frullo.
Io in questa maniera ho raggiunto il risultato che il mio harris (che tutti sostengono odiare i cani) quando si fermava la campana del cane sapeva che si doveva preparare ad attaccare e quindi si metteva esattamente su un ramo e sul DSCN4369mio pugno, più possibile vicino al cane.
Ovvio che successivamente terminato l’attacco e con il vostro falco sul selvatico catturato il cane deve rispettare una distanza altrimenti si rischia che i soggetti più nervosi o ancora poco abituati all’invadenza di un cane da caccia potrebbero artigliare e recare delle ferite. Quindi per i primi periodi consiglio sempre di legare il cane quando entra in ferma, e una volta catturata la preda avvicinarsi con il cane al guinzaglio e premiarlo con complimenti o croccantini. Vedrete con nel giro di una stagione venatoria avrete una coppia molto affiata e in sintonia.
Spero di esservi stato utile. alla prossima con un nuovo articolo sui setter inglesi e la falconeria!

Enrico Aquila

Rispondi