Falco lanario

A.Kind

Active member
Falconiere
Ciao a tutti. Volevo qualche informazione sul lanario. Ho letto le discussioni presenti sul forum, ma volevo sapere qualcosa in più da chi ne ha addestrato qualcuno. Ho fatto esperienza prima con un notturno poi con un gheppio, ora volano entrambi liberi, il gheppio vola al pugno e al logoro. Ora mi piacerebbe passare a una "cilindrata superiore", ma Harris e basso volo non fanno per me. Mi interessa particolarmente il lanario perché: è autoctono (il feldeggii), è altano ma non così dispersivo come il pellegrino, ghermisce anche a terra, mi piace esteticamente (non è fondamentale ma sono dell'idea che un falco deve anche piacere ;).
È davvero così imprevedibile come dicono? Quanto è predisposto a lavorare al logoro? C'è chi dice che per le passate al logoro sarebbe meglio andare direttamente con un maschio di sacro... Non saprei.
Grazie in anticipo per tutte le dritte che potrete darmi 👍
 

stefano

Moderator
Membro dello Staff
ciao era da tanto che qualcuno non si faceva vivo. il lanario? è un buon falco e di allevamenti in italia ce ne sono molto pochi. come falco da logoro va benissimo ha solo bisogno di molto tempo per fare le cose, è un falco che pensa e questo lo rende a volte imprevedibile. forse dovresti parlare con chi ce l'ha o vedere direttamente un lanario in volo, anche se sono pochi quelli che ce l'hanno. io ne ho avuto uno anni fa' purtroppo ucciso da una volpe. posso dire solo una cosa in verità che mi ha colpito del tuo discorso. i pellegrini sono tutt'altro che dispersivi, anzi sono molto più divertenti di un lanario salgono prima e sono sempre molto collaborativi grazie alla loro fame ed energia. anche il pellegrino è un falco autoctono, e sicuramente più indicato ad un neofita che vuole iniziare con l'alto volo. il sacro è un mondo a parte.
buon volo
 

A.Kind

Active member
Falconiere
Grazie Stefano, i tuoi post sono sempre molto informativi e utili (ne ho letti diversi nel forum).
Sì forse con il termine "dispersivo" mi sono espresso male, quello che intendevo dire è che, da quello che ho capito, l'area che copre il pellegrino quando va in quota è maggiore e tende ad allontanarsi di più; quindi ho più timore di eventuali fughe o cose del genere. D'altra parte ne sto ricevendo diversi di pareri come il tuo, cioè di puntare più su un pellegrino perché più lineare e affidabile sotto certi aspetti.
Entrambi i falchi li ho visti volare dal vivo sul lago di Bracciano. Che dire, stupendi animali entrambi. Ci devo riflettere bene 🦅😊
 

stefano

Moderator
Membro dello Staff
se hai paura di evntuali fughe purtroppo fattene una ragione tutti i giovani nei primi 2 anni hanno questa tendenza basta evitare determinate condizioni ambientali e gestendo il peso in maniera maniacale si riesce a contenere l'80% del rischio. ma purtroppo sono falchi e quindi volano e lo devi mettere in conto. lascia stare la quota quella si fa col tempo l'importante è che torni
buon volo
 

A.Kind

Active member
Falconiere
se hai paura di evntuali fughe purtroppo fattene una ragione tutti i giovani nei primi 2 anni hanno questa tendenza basta evitare determinate condizioni ambientali e gestendo il peso in maniera maniacale si riesce a contenere l'80% del rischio. ma purtroppo sono falchi e quindi volano e lo devi mettere in conto. lascia stare la quota quella si fa col tempo l'importante è che torni
buon volo

Ok perfetto grazie mille dei consigli. Intanto continuo a lavorare col gheppio, che al logoro sta iniziando a darmi grandi soddisfazioni! (Mai avrei pensato che sarei riuscito a farci le passate...) Poi se riesco a passare al pelle o simili posterò qualche risultato 😁 buon volo anche a te!
PS se hai qualche canale Instagram o YouTube non mi dispiacerebbe seguirti per rubare un po' di arte...😉
 
Trova Falconieri Professionisti
Alimenti e Snacks Naturali per cani
Alto