PDA

Visualizza Versione Completa : RIFLESSIONI



BEPPE
17-09-2007, 14:41
E' dal 17/07/07 cioe' da quando Agostino di Modena ha portato in Italia Racchele la pellegrina e Benito l'ibrido che costantemente due volte la settimana mi reco a Modena inizialmente per l'ammansimento e poi via via per i voli....
Mi sembra di aver capito che buona parte di falconieri quando si parla di ibridi torce il naso...e posso anche capirli perche' creare ancora "qualcosa" quando esistono gia' molte specie per tutti i gusti e usi ?
Il mio accordo con Agostino era quello di scegliere fra i due dopo un certo numero di voli....la mia scelta e' caduta sull'ibrido non solo per quello che ho letto e sentito....cioe' che l'ibrido e' un falcone meno difficile,farlo volare due volte alla settimana puo' bastare mentre per il pellegrino servono piu' voli e via via altre notizie.....ma ho scelto l'ibrido perche' a distanza di 60 giorni dal loro arrivo ho toccato con mano quanto segue.

Fin dal'inizio Benito rispetto a Rachele era meno diffidente a mangiare dal pugno e molto piu' vorace lei era piu' schizinosa e piu' lenta nei pasti....in filagna lui progrediva di giorno in giorno....lei piu' a rilento....lui con il logoro forse aiutato dalla sua voracita' ci ha preso subito confidenza.
Riguardo al peso di volo l'ibrido ci consente un range piu' ampio vola da 730 a 760 mentre con lei devi essere preciso.
Ancora oggi dopo parecchi voli lui e' gia' alto....e se si allontana per andare ad attaccare i piccioni(lo lascio fare)basta un secca fischiata e si centra....se insiste con i piccioni da un atra parte magari non fischio per non farlo planare perche' pensa di essere servito allora agito il guanto e lui arriva restando alto....non si e' mai appoggiato per terra o su qualche tetto......mentre per Rachele le cose sono andate un po' diversamente....difficilmemte prende quota a volte e' capitato vederla posarsi sui tetti a volte in terra....Agostino dice che non c'e' nulla di preoccupante e'normale con il pellegrino ci vuole piu' pazienza.

Anche con falchi liberi in natura quando vola Benito difficile che gli vadano a rompere le glorie....prendi sabato a Bologna per esempio un gheppio quando volava Benito non si e' mosso dal pal dove era appoggiato....messa i volo Rachele e' partito e ha costretto la pellegrina a posarsi in un giardino....chiamandola e' ripartita e il gheppio dietro come un fulmine.....a quel punto Agostino l'ha servita per non rischiare.

Concludendo non voglio porvi la questione meglio un pellegrino o un ibrido....perche' magari strada facendo capiro' le importanti peculiarita' di un pellegrino/a.......ma per un neofita come il sottoscritto mi e' sembrata la scelta giusta.

A voi la palla

beppe

ventudeca
17-09-2007, 15:05
:? magari la sparo grossa... e nel caso perdonatemi, ma penso che sia lo stesso ragionamento se prendere un harris o un altro falco, l'harris Ŕ un buon cacciatore, Ŕ pi÷ semplice da addestrare degli altri e quindi migliore per un neofita; ma se si vuole del brivido si passa ad astori o pelle ecc...
insomma falchi che sono pi÷ difficili da gestire ma proprio per questo in grado di dar maggior soddisfazione. Beppe con questo non critico la tua scelta, sia chiaro, ma penso che la diversitÓ* con la pellegrina stia nel doverci mettere pi÷ tempo e capacitÓ*, quindi se come prime esperienze ti trovi meglio cosý,ben venga l'ibrido.

BEPPE
17-09-2007, 15:16
Ciao Ventudeca,esatto sono al mio primo falco e alle mie prime riflesioni,sabato ho fatto volare Benito alla presenza di falconieri non certo di primo pelo.....e a fine volo si sono complimentati ovvio con Agostino e con il sottoscritto....e anche per il soggetto,devo essere sincero un volo e una picchiata come sabato non l'avevo mai visto da Benito,sara' stata la bella ventilazione la mattinata non troppo calda ma e' stato veramente uno dei suoi migliori voli.....speriamo che tutto proceda bene.....da domani basta colombi....si passa alla selvaggina "prontacaccia"........

BEPPE
17-09-2007, 15:20
...ah dimenticavo sia su questi schermi e quando ci troveremo a volare....non abbiate paura di dirmi la verita' anche se a volte puo' essere cruda....ma e' solo cosi' che posso crescere....e po non sono permaloso :wink:

melk
17-09-2007, 16:49
Sicuramente l'ibrido (girpelle) Ŕ pi÷ facile da far salire in fretta, ed Ŕ pi÷ regolare.
Se non fosse cosý questo tipo di ibrido non riscuoterebbe il successo che in effetti riscuote, e costerebbe anche meno.
La femmina di pellegrino Ŕ pi÷ difficile da mettere "in moto", ci vuole pi÷ tempo e spesso fino al suo secondo anno non si rivela per quello che puo essere veramente. Molto pi÷ facile da gestire Ŕ invece il maschio di pellegrino, che pero ha una taglia che non permette di cacciare fagiani o anatre, salvo rarissime eccezioni.
Poi non bisogna mai dimenticare che ogni animale Ŕ una storia a sŔ e le eccezioni si contano numerose.
Che dire... hai fatto la tua scelta, hai scelto il falco che ti da meno problemi e che impara e va in forma pi÷ in fretta, probabilmente Ŕ la scelta giusta, specialmente per il primo falco.
Per le sfide pi÷ impegnative c'Ŕ tempo, prima o poi proverai ad ottenere il massimo anche dalla pellegrina.
Personalmente preferisco i puri ma devo ammettere che il girpellegrino, come anche il pellegrino smeriglio che mi Ŕ capitato di vedere, sono ibridi ottimi e spettacolari, e pi÷ facili da gestire.

TYGER
17-09-2007, 21:19
D' accordo con Melk :)
Aggiungo che in linea di massima i GYR-PELL. sono i falconi che volano piu' alto di tutti, mentre la pellegrina e' la numero 1 nella picchiata e nella cattura.

Claudio

BEPPE
18-09-2007, 15:47
....infatti Tyger, tralasciando per un attimo i voli.... la Pellegrina nella catura e' bestiale l'impatto e' molto efficace e sicuro....a differenza di Benito che alterna prese e stoccate....e devo dire che le stoccate sono tremende.... :o (sia chiaro riflessioni da neofita)..........

homusubi
18-09-2007, 17:18
Credo dipenda molto anche dal singolo individuo. A me gli ibridi me li hanno sempre sconsigliati perchÚ Ŕ difficile sapere che indole avranno ed Ŕ sempre un terno al lotto, mentre i puri, pi÷ o meno, hanno comportamenti simili.
Come primo falco pero, quello che ti da meno problemi Ŕ il migliore, secondo me.
Complimenti per la scelta allora e speriamo di vedervi presto in azione.

BEPPE
20-09-2007, 09:53
Ciao Homosubi, cosa si intende per variabilita' di indole....piu' o meno mansueti sul pugno e nel giardinaggio....oppure in volo...o altro....magari piu' portati alla fuga di altri....?

ventudeca
21-09-2007, 06:47
penso che per indole intendesse le caratteristiche di volo e comportamento .

homusubi
21-09-2007, 11:45
Esatto. Si sa per esempio che il sacro si lega abbastanza ma non Ŕ sincero nelle reazioni: se viene come un missile non sei sicuro che sia al peso giusto, cosý come sembra spesso affamto quando in realtÓ* non lo Ŕ. Per contro un pellegrino, nonostante sia pi÷ difficile da gestire Ŕ pero pi÷ "sincero".
Se invece ho un sacroXpellegrino non so come si comporterÓ* perchÚ si perde quella conoscenza che si ha d'una specie e si finisce per affidarsi alla fortuna.
Certo che per te beppe il discorso cambia, tu hai avuto la possibilitÓ* di provarlo prima di prenderlo e quindi capire se era o meno un buon falco. Mi riferivo sopratutto al momento in cui si prenota o si compra un falco senza prima conoscerlo a fondo.